La nostra storia

Cresh Hockey Eboli

CRESH HOCKEY EBOLI è un’Associazione Sportiva Dilettantistica, affiliata al C.O.N.I. - Federazione
Italiana Hockey e Pattinaggio (FIHP) ora ridenominata Federazione Italiana Sport Rotellistici (FISR) che, oltre a perseguire risultati agonistici, fa dell’attività per i giovani e per le donne, e dell’integrazione/inclusione di soggetti svantaggiati uno dei suoi principali obiettivi.


Nasce nel 1999 da un'idea di Berniero Gallotta, ex giocatore, che ha militato per anni nell'Hockey Club
Salerno, ha giocato poi con la squadra brianzola del Mobilsigla Seregno e con i Draghi di Torino, dove inizia la sua carriera di allenatore.
Trasmette la sua passione alla moglie, Angela Califano, che lo sostiene in tutte le sue scelte e in tutte le
sue battaglia per la diffusione di una disciplina che è, nella città di Eboli, fuori dai canoni convenzionali
Molti bambini e bambine si avvicinano a questo sport divertente e nel 2000 la CRESH si iscrive al 1°
campionato esordienti. Inizialmente, la struttura a disposizione della società, è uno spazio all'aperto,
utilizzato anche durante i freddi mesi invernali e comunque, inadeguato alla pratica dell'hockey.
Nonostante ciò, il cammino della CRESH continua e nel 2001 il comune di Eboli, acquista le prime porte
da Hockey. Nel 2002, oltre ai vari campionati giovanili, la CRESH partecipa al suo 1° campionato
femminile.
Intanto i proseliti aumentano e nel 2003 la CRESH ottiene il suo 1° successo, vincendo con la categoria
primavera (under 16), il girone in cui è inserita e accede alle finali scudetto che si disputano a Follonica,
in Toscana. La squadra femminile, dopo i primi anni di inesperienza, incomincia a fa parlare di sé, ben
figurando nel massimo campionato.
Nel 2005-2006 la CRESH acquista risonanza nazionale e suscita l'interesse dei media, perchè nel
campionato maschile di serie B, schiera una squadra mista, cosa questa supportata da una regola
federale, che ha lo scopo di promuovere l'hockey femminile. La società ebolitana è però l'unica squadra
in Italia a metterla in pratica.
Grossa curiosità è stata suscitata da un’intervista rilasciata dal Tecnico di una squadra avversaria, che
riteneva che far giocare le donne con gli uomini “E’ innaturale, compromette la gara”. Questo prima della
partita del campionato nazionale di serie B maschile del 13 novembre 2005 tra Giovinazzo (BA) e CRESH
Eboli, vinta dai padroni di casa, senza nessun tipo di sconto per la presenza di donne in campo. Nel
ritorno le cose sono cambiate e il Cresh con la sua squadra mista ha vinto 4-3.
La stampa (quotidiani e settimanali), le tv e le radio nazionali si sono occupate del caso. Parlano di noi:
> Gazzetta dello Sport del 13 novembre 2004 (articolo di Carlo Gobbi)
> Studio Aperto di Italia 1 del 14 novembre (servizio filmato edizione delle 12:30)
> Famiglia Cristiana del 2 gennaio 2005 (servizio di 3 pagine di Roberto Zichittella corredato da 7
foto)
> Atlantis–Radio 2 di Lorenzo Scoles, del 6 gennaio 2005 con servizio (“gioca lui, gioca lei”)
> Donna Moderna n. 4 del 26 gennaio 2005 (servizio di Antonella Trentin con 2 foto)
> Rai 1 - L’Eredità- Amadeus, puntata dell’11 febbraio 2005 (oggetto di domanda)
> Gr Ragazzi-New Generation – Radio 1, puntata del 18 febbraio (intervista di Laura Pintus)
> Quotidiani nazionali (La Repubblica) e locali (Il Mattino, La Città) e siti di informazione.

Nel frattempo (luglio 2005), l'anima della CRESH, Berniero Gallotta, viene posto dai vertici federali, alla
guida della nazionale femminile, ruolo ricoperto sino al 2008 con un Campionato Europeo, un Mondiale e
una Coppa delle Nazioni disputati tra il 2005 e il 2008 oltre che numerosi stage. Nel campionato rosa di
serie A, anno 2005/2006, la CRESH stravince la stagione regolare e accede alla finale scudetto, e la città
di Eboli sogna il primo tricolore nella sua Storia. Purtroppo l'emozione gioca brutti scherzi e la esperta
corazzata Breganze (VI), altra finalista, vincitrice di tre scudetti consecutivi, finisce per vincere anche il
quarto.

Nel dicembre 2005, il primo Europeo con mister Gallotta e le atlete Capaccio e Chiagano che
conquistano il bronzo a Gijon nella regione spagnola delle Asturie.
La stagione agonistica 2006/2007 inizia nel migliore dei modi: la convocazione da parte del mister
Gallotta di ben quattro atlete della CRESH ai mondiali che si disputano a fine settembre 2006 in Santiago
del Cile in sud america. Chiagano Francesca, Capaccio Cristina, Melchionda Alessandra e Costabile
Simona partono con il loro allenatore alla volta di Santiago.

Nelle stagioni 2006/2007 – 2007/2008 – 2008/2009, la CRESH disputa sempre la serie B maschile e la
serie A femminile.
Nelle giovanili, si qualifica con diverse categorie alla finali nazionali disputate a Correggio (RE),
Mirandola (MO) nel 2006; Viareggio e Forte dei Marmi nel 2007; Valdagno (VI) nel 2008. I buoni
piazzamenti della femminile (2°-2°-3°posto) danno alla CRESH la qualificazione alla Coppa Campioni
(manifestazione per i migliori club d’Europa). La squadra ebolitana arriva sino al 13° posto mondiale per
club femminili nel 2008.
Per due anni consecutivi 2007 e 2008, Ciro Martino (classe 1994) veste la maglia azzurra nella categoria
under 15 e successivamente, nel 2010 disputa con la nazionale italiana under 17, il campionato Europeo
a Londra.
Per il 2009 la CRESH partecipa ancora alle finali nazionali giovanili(under13/17) che si disputano a
Modena.
Il biennio 2010/2011 si chiude in positivo con il notevole incremento del vivaio, grazie soprattutto al
costante e fruttuoso lavoro di tecnici qualificati, provenienti sempre dalla scuola CRESH. E ancora finali
nazionali giovanili, nel 2010 con l’under 13/15 a Viareggio e nel 2011 con l’under 15/20 a Montecchio e
Montebello (VI). In questa splendida cornice si distinguono in particolare due atleti dell’under15, Gallotta
Davide e Macellaro Angelo che vengono convocati ad un raduno della nazionale che si disputa a Tonezza
, in Veneto. Ad ottobre 2011, la CRESH vince il Torneo di Lodi per le categorie under 13, under 17 e
femminile.

Nel 2012, finalmente, dopo tanti anni di militanza in serie B, la CRESH ottiene la tanto desiderata serie
A2, già sfiorata l’anno precedente. L’A2 dei ragazzi ebolitani, gli stessi che nel 1999, sotto la guida di
mister Gallotta, indossarono per la prima volta i pattini.
Nei mesi di giugno e luglio 2012, convocazioni in nazionale per ben 6 atleti della CRESH, Vito Di
Benedetto e Andrea Mirra per l’under 17; Angelo Macellaro e Davide Gallotta per l’under 15; Gloria Di
Stanio e Alessandra Gallotta nella femminile. Questi ultimi 3 passati ai successivi raduni.
Sempre a giugno 2012, la CRESH vince ben 15 medaglie di cui 8 d’oro ai Giochi Olimpici Provinciali
organizzati dal CONI.
Nella stagione 2012-2013 la CRESH centra tutti gli obiettivi. Salvezza in A2 maschile, quarto posto nella
serie A femminile, qualificazione alle finali nazionali giovanili con le squadre under 15 e under 17. La CRESH ha preso parte alle semifinali della Coppa Italia 2012-2013 che ha visto la partecipazione di
tutte le squadre di A1 e A2 divise in gironi da 4. La CRESH ha disputato il girone D con CGC Viareggio
(A1), Matera (A1), Correggio (A2) concludendo al terzo posto.
Una stagione che ha visto la Società ebolitana entrare nelle prime 10 in Italia per attività svolta.
Sempre nella stagione 2012-2013 nei campionati giovanili, la CRESH ha centrato la Finale di COPPA
ITALIA under 17 e la Finale Scudetto under 15. Tali finali si sono disputate sulle piste di Follonica in
Toscana.

Nella stagione 2013-2014 milita per la seconda volta consecutiva nel Campionato Nazionale
Maschile di serie A2 di hockey su pista dopo 8 stagioni in serie B. Eboli è l’unica squadra del sud Italia a
partecipare alla serie A2 , campionato a girone unico nazionale a 12 squadre. Le altre città che hanno
una squadra in A2 sono: Castiglione della Pescaia (Toscana); Modena – Scandiano- Mirandola (Emilia
Romagna); Vercelli (Piemonte); Pieve San Giacomo (Lombardia); Sandrigo – Montecchio Precalcino –
Thiene - Bassano del Grappa (Veneto); Pordenone (Friuli Venezia Giulia). Come si può ben vedere
dunque sono tantissimi i chilometri da affrontare per le trasferte, ma è grande l’orgoglio per la CRESH di
essere l’unica Società dalla Maremma Toscana in giù. Per l’attività giovanile, il girone di qualificazione
alle finali nazionali comprende squadre di Campania, Basilicata e Puglia. La CRESH partecipa al bando per l’assegnazione delle finali nazionali giovanili, che prevede un movimento di:
> 56 squadre
> 700 atleti
> 180 dirigenti
> 40 arbitri/commissari
> 350 accompagnatori

L’attività agonistica del 2013/2014 vede la CRESH Eboli iscritta a ben 9 campionati (6 agonistici e 3
promozionali):
1. serie A2 maschile
2. Femminile Senior
3. under 20
4. under17
5. under15
6. under13
7. under 10 (promozionale)
8. minihockey (promozionale)
9. primi passi (promozionale).

Cresh

Le nostre squadre

Cresh Eboli Under 15

#GiocatorePosizione
2Pietro Di FloraDifensore
21Greta MirandaPortiere
22Concetta Maria MerolaDifensore
28Gabriele MirandaAttaccante
30Pipolo AngeloPortiere
38Roberto SpinelliDifensore
46Fabiola SemeraroDifensore
51Emilio MalandrinoDifensore
53Francesco QuarantaAttaccante
trainers

coaching staff

Some description text for this item

Registrati

Unisciti alla nostra community e interagisci con tutti i nostri canali social!